Informativa Breve: Il presente sito utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata, per rendere più agevole la navigazione e garantire la fruizione dei servizi. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui - Cliccando qualunque elemento della pagina o accedendo alle sezioni interne attraverso il login si acconsente all'uso dei cookie.
homepage
 
Entra Nel Sito
Ambientazione
Regolamento
Ringraziamenti
Link ai Siti Amici
Video Della Land
Registra il tuo personaggio
Firefox Internet Explorer Chrome Safari Flock Opera
il gioco può contenere scene discriminatorie il gioco può contenere riferimenti all'uso di droghe il gioco può contenere scene di paura il gioco può contenere scene di gioco d'azzardo il gioco può contenere torpiloquio il gioco può contenere riferimenti sessuali espliciti
il gioco può contenere scene violente Gioco vietato ai minori di 18 anni

Anno 2011 - Cleveland

Cleveland è una città americana situata nell'Ohio, apparentemente si tratta di una metropoli come tante altre, con il solito tram tram quotidiano, attività commerciali, culturali ed apertura al turismo. Molti i fondi stanziati per rendere Cleveland una città all’avanguardia dal punto di vista scientifico, abitativo e tecnologico e tutto è chiaro agli occhi di qualsiasi “avventuriero” che si avvicina alla città: un ospedale all’avanguardia con un settore di ricerca altamente avanzata, strutture architettoniche elaborate e sceniche rendono i punti nevralgici della città visivamente splendidi. Di contro vi sono anche quartieri in cui vige il degrado sociale e gli edifici sono più o meno fatiscenti, con bande giovanili in lotta tra loro che rendono poco sicuro uscire quando si fa buio e, talvolta, anche alla luce del sole. E poi, come nella maggiorparte delle città americane, anche qui il crimine ha messo le sue radici e, se da un lato ci sono piccole bande di quartiere e criminali di piccolo calibro, dall'altra troviamo le varie branche, e famiglie, della criminalità organizzata, vera spina del fianco per le forze dell'ordine, buona parte della popolazione e gli enti governativi: non che manchi la corruzione o quel classico legame con la politica, ma si sa, la facciata da mostrare ai cittadini è sempre quella del perbenismo, della vita perfetta e priva di macchie. Ecco quindi che, addentrandosi nella città ci si può tranquillamente calare in un'atmosfera tipicamente noir, in cui alla modernità si affianca a quel classico climax da film giallo d'altri tempi.

Tuttavia Cleveand non è solo questo o almeno non per tutti! La cultura della popolazione locale basa le sue fondamenta una lunga storia di tradizioni e leggende provenienti dai più diversi paesi, alcune derivanti dalle popolazioni native americane che si trovavano in quest'area all'epoca della colonizzazione, altre provenienti dai luoghi d'origine dei primi coloni. Una fitta trama di storie e tradizioni, quindi, si sussurra per i vicoli della città, tra grattacieli e zone poco raccomandabili.
Apparentemente irrazionali, divertenti e nel contempo oscure sono le teorie che cercano di spiegare l’attrazione quasi magnetica che questa città riesce ad esercitare sugli animi e gli eventi bizzarri che di tanto in tanto riescono ad interessarla.
Taluni parlano dell’esistenza di un triangolo fortemente energetico tra le città di Chatham-Kent, Mansfield e Greenville, con Cleveland esattamente al centro, come punto nevralgico d’accumulo energetico che sarebbe all'origine di ogni anomalia. In sostanza tutto ciò che appare inspiegabile, sarebbe causato da un sovraccarico in queste energie che mutano nella forma, incapaci di disperdersi come invece farebbero altrove.
Altri invece illustrano questi fenomeno richiamando antiche leggende che descrivono la città, appena nata, come luogo paradisiaco in cui una Dea avrebbe posato il suo occhio e lasciato traccia del suo passaggio nella vegetazione del luogo in cui si riscontra, infatti, un’intensissima densità di una specie erbacea murale nota come Goddess's Eye. Secondo i seguaci di questa teoria, Cleveland è uno dei pochissimi luoghi in America a cui le divinità abbiano sorriso nella notte dei tempi, prima ancora che Colombo piantasse la bandiera spagnola sulla terra americana importando fin troppi cambiamenti. Prima che questo continente prendesse il nome di “America”, infatti, Cleveland era il vero e proprio “Giardino degli Dei”, così, ogni evento avverso che tocca la metropoli viene descritto come l'ira delle divinità causata dalla violazione, da parte dell'uomo, di una delle sette meraviglie terrene, deturpata dagli insediamenti urbani ed in buona parte cancellata dalle gettate di cemento che hanno permesso la costruzione dei palazzi e l'avanzata tecnologica. Per contro, ogni evento positivo, viene giustificato come un "premio".
Poi c'è chi descrive il tutto con la traslazione del concetto di yin e yang e ogni evento anomalo che si verifica tra le mura delle città come una ricerca di ripristinare un equilibrio perduto. Secondo i seguaci di questo filone di pensiero la presenza della malavita organizzata e la sua insinuazione all'interno della politica e della Cleveland bene, servirebbe a portare l'ombra dello yin nello yang e ribilanciarlo. Si tratterebbe, quindi di una ricerca dell'equilibrio perfetto a scatenare gli eventi anomali che coinvolgono la città ed ad esercitare un magnetismo particolare su turisti e viaggiatori. Altri ancora, invece, raccontano di dispute tra antichi stregoni che avrebbero lasciato aleggiare sulla città i fantasmi dei loro riti ed incantesimi, incatenandola a metà tra due mondi, consentendo l'apertura, di tanto in tanto, di antichi portali tramite i quali passerebbero esseri sovrannaturali in grado di fare il bello ed il cattivo tempo e di dare origine ad eventi che ben poco hanno a che vedere con la razionalità, per lo meno in apparenza.
Molte quindi sono le teorie che abitano i vicoli della città, gran parte delle quali restano sussurrate tra le mura umide di palazzi fatiscenti di quartieri malfamati, o decantati mentre il piano suona in una villa borghese al centro della città.

Ma se da un lato ci sono le teorie degli studiosi dell'occulto che si occupano di cercare di avvolgere in un velo di mistero Cleveland, dall'altro lato ci sono gli scienziati che riescono, inevitabilmente, a dare una spiegazione scientifica e perfettamente razionale ad ogni anomalia che si presenta, a tutte quegli eventi apparentemente inspiegabili che finiscono per abbattersi di tanto in tanto sulla città. Secondo la comunità scientifica, infatti, si tratterebbe talvolta di scherzi di buontemponi, talaltra di tentativi da parte degli occultisti di screditare la scienza attraendo, al tempo stesso, la popolazione generale per incrementare i loro guadagni con la vendita di amuleti o esenguendo falsi rituali per scacciare il male, gli spiriti ed anatemi vari dai creduloni. Tutto quindi ritorna al mondo razionale, tutto segue un filo logico e non vi è nulla di realmente anomalo se non l'atmosfera di suggestione che riesce a crearsi ed ad avvilupparsi attorno ai singoli creando, talvolta, delle psicosi di massa.
In apparenza tutte le leggende e le storie popolari sembrano lontane mille miglia da questa emozionante città moderna, piena di vitalità, intrighi politici e malavitosi, eppure... un sottobosco fitto e vivo pullula di tradizioni, riti e misteri. Voci sussurrate parlano di moderni stregoni tornati a stabilirsi in quest’angolo di paradiso vestendo i panni di liberi professionisti o impiegati: leggende metropolitane? Realtà?

E voi che dite?! Si tratta solo di questo? Tentativi continui di raggirare la popolazione da parte di individui senza scrupoli interessati a facili guadagni, oppure... c'è qualcosa di più e la teoria misticistica è quella vera? Questo noi non lo sappiamo, o forse ci siamo così immedesimati in questa venatura di mistero da non volerne più uscire, quindi... non ti resta che entrare e scoprirlo!